About Us

Siamo una software house indipendente, e da sempre ci impegniamo per realizzare app e web app user-oriented.

Le API di Google: cosa sono + 5 esempi utili per le aziende

Google non è solamente motore di ricerca, YouTube e Gmail.

L'azienda leader mondiale del settore informatico offre una vasta gamma di prodotti e servizi, molti dei quali possono essere sfruttati dagli sviluppatori. Grazie a questi servizi, denominati "API", è possibile integrare molte funzionalità già sviluppate dalla stessa Google nelle proprie applicazioni, migliorandole sotto diversi aspetti.

Che cos'è quindi una API?

API è l'acronimo di Application Programming Interface, ovvero un'interfaccia di programmazione delle applicazioni. Si tratta di un insieme di regole, protocolli e strumenti che consentono a due sistemi informatici di comunicare tra di loro, scambiando informazioni e dati in maniera standardizzata, veloce e sicura.

Sono utilizzate per consentire a diverse applicazioni o servizi di interagire tra di loro, senza dover condividere il codice sorgente o le funzionalità del software. In pratica, le API permettono ai programmatori di accedere alle funzionalità di un software o di un servizio online, utilizzando un insieme di comandi prestabiliti.

Ad esempio, immaginiamo di voler integrare una mappa interattiva sul nostro sito web. Invece di creare una mappa da zero, possiamo utilizzare l'API di Google Maps, che ci consente di integrare una mappa personalizzata sul nostro sito web, con tutte le funzionalità di base come zoom, ricerca e indicazioni stradali. In questo modo, non dovremo sviluppare da zero una mappa, ma possiamo utilizzarne una già esistente, modificandone l'aspetto e le funzionalità sulla base del nostro progetto (e risparmiando, ovviamente, tempo e risorse).

In questo articolo esploreremo quindi cinque API di Google che possono essere utili per le aziende in vari settori.


  1. Google Maps API

    La prima e più famosa API di Google, di cui abbiamo già parlato, è appunto la Google Maps API. Si tratta di un servizio di mappatura che consente alle aziende di integrare mappe interattive nei loro siti web o applicazioni, personalizzando la mappa, aggiungendo informazioni di posizione, fornendo indicazioni stradali e molto altro.
    Può essere utilizzata, ad esempio, per creare applicazioni in ambito logistico: permette infatti di definire una serie di punti su mappa (p.e. una lista di clienti), e definire il percorso migliore per visitarli tutti.

  2. Google Places API

    Un'altra API che lavora con le mappe è Google Places API: un servizio che si basa sulla posizione e permette di ottenere informazioni sulle attività commerciali, come nomi, indirizzi e numeri di telefono. Permette anche di filtrare le attività commerciali in base alla categoria, alla valutazione e alla distanza.
    Per le attività che lavorano con il pubblico, come gli hotel, può essere utile per trovare ristoranti e attrazioni nella zona circostante, e quindi fornire queste informazioni ai propri clienti.

  3. Google Translate API

    Il servizio di traduzione automatica Google Translate API consente alle aziende di tradurre il contenuto del sito web, delle applicazioni e dei documenti in altre lingue. Questa API supporta oltre 100 lingue e utilizza la tecnologia di apprendimento automatico per migliorare la qualità delle traduzioni.
    Molto utile per le aziende che operano a livello internazionale, per tradurre contenuti in diverse lingue, al fine di raggiungere un pubblico più ampio.

  4. Google Calendar API

    Un altro servizio molto interessante è Google Calendar API, che consente alle aziende di creare, modificare e gestire eventi del calendario. Permette di sincronizzare il calendario con altre applicazioni, come Microsoft Outlook, e di accedere ai dati del calendario da qualsiasi dispositivo, sfruttando le notifiche push gestite direttamente da Google.
    Si può utilizzare Google Calendar API, ad esempio, per creare un calendario condiviso tra i dipendenti, in modo che possano coordinare le riunioni e le scadenze in modo efficiente.

  5. Google Cloud Vision API

    E infine, Google Cloud Vision API. Si tratta di un servizio di intelligenza artificiale che permette di analizzare e comprendere il contenuto delle immagini. L'API consente di rilevare oggetti, volti e testo nelle immagini, nonchè di analizzare l'emozione e il contenuto visivo.
    Ad esempio, questa API può essere utilizzata per trovare delle immagini (all'interno di un server) sulla base del loro contenuto, senza dover conoscere il nome del file o la cartella in cui sono archiviate.

Questi sono solamente cinque esempi, ma ne esistono molti altri (link lista completa), e Google non è il solo provider di questo tipo di servizi, che si stanno espandendo sempre più nel mercato del software.

Noi di Software Dimension sfruttiamo queste API da diverso tempo nei nostri progetti, perchè permettono di migliorare di molto l'esperienza utente e aggiungere nuove funzionalità.

In questo modo riusciamo a realizzare app e web app efficaci, mantenendo i costi di sviluppo ridotti.

Vieni a scoprire tutti i nostri servizi!



Foto di copertina Brett Jordan, Unsplash


di

Filippo Biasiolo


Pubblicato il 27/02/2023.

Altro in sviluppo software

Gestione delle commesse: ottimizza i tuoi progetti con software all'avanguardia


Filippo Basiolo

Guida completa alla scelta di un software gestionale per preventivi: automatizza la tua gestione delle vendite


Filippo Baisiolo

I nostri consigli per un gestionale interventi tecnici: ottimizza la tua efficienza operativa


Filippo Baisiolo

Cosa sapere prima di creare un portale web


Filippo Biasiolo

Realizzazione di Web App: le 5 caratteristiche fondamentali da considerare


Filippo Biasiolo

Software produzione: Le caratteristiche chiave da considerare


Filippo Biasiolo

Sviluppo app aziendale: perché farlo? 3 ottimi motivi


Filippo Biasiolo

Sviluppo software personalizzato: massimizza l'efficienza aziendale con soluzioni customizzate


Filippo Biasiolo

Gestionale online: 5 buoni motivi per averne uno!


Filippo Biasiolo

Sviluppo software su misura: 5 aspetti da sapere prima di iniziare


Filippo Biasiolo

Software Gestione Interventi Tecnici: Programmazione e Pianificazione Attività


Filippo Biasiolo

Sviluppo software personalizzato: 5 +1 ottimi motivi


Filippo Biasiolo